in

Storia Natura Cultura e Arte locali

Concerti “A Passo di Musica 2019”

N. 38

N° 37

N° 35-36

N° 34

N° 33

Fotografia

Pina Brintazzoli
Ho inseguito immagini di chimere fatte di luce perché i sogni non hanno bisogno di confini per essere tali. Ho cercato immagini sfuocate dalla nebbia che nasconde i confini materiali dove l’uomo imprigiona i suoi simili togliendogli dignità, e dove la speranza è fatta di orizzonti pieni di luce.

Pittura

Nadia Gruppi
Che sia veduta, sentiero, spazio naturale o cittadino, uno spaccato di vita determinato dagli angoli e spigoli delle architetture o un panorama aperto tra neve, fiori o foglie, gli spazi di Nadia sembrano non esaurirsi in ciò che è racchiudibile nel taglio di un’immagine ma ogni singola situazione descritta apre a spazi indefiniti in cui il colore crea aperture, la natura si apre come un sipario e file illimitate e ripetute di alberi segnano vie la cui meta resta ignota e il percorso non svelato.
Ricorrono nella pittura all’acquerello della pittrice presenze solitarie che sembrano venire accompagnate in questi percorsi, determinati e circoscritti nella tecnica con cui sono descritti, ma che in realtà tengono celato e lasciano aperto e non suggerito il punto di arrivo.

 

Pittura

Stefano Gallerani
Si presenta con una retrospettiva che evidenzia la sua capacità espressiva sia negli oli sia negli acquerelli.
Si denota la capacità di liberare la mente dall’influenza degli altri. Le opere riflettono i sentimenti e la ragione e su queste basi crea la sua arte. In altre parole quella di Gallerani è una pittura che si sviluppa in un percorso noto, ma non si lascia influenzare da esperienze diverse che potrebbero facilitare il suo operato. Nel rispetto della sua onestà intellettuale evita di creare opere solo per ottenere il plauso dagli altri.
E’ una pittura disciplinata, ma fondata su sentimenti veri, un equilibrio che unisce la passione alla ragione creando uno spaccato di vita e di serenità.
Possiamo senza dubbio affermare che, in questa mostra Stefano Gallerani recupera in modo poetico le forme più conosciute delle espressioni e dei linguaggi dei nuovi media.

Poesia e Narrativa

Yuleisy Cruz Lezcano
Cruz Lezcano. Nata a Cuba il 13 marzo 1973, vivo a Marzabotto (Bo). In Italia dall’età di 18 anni, ho studiato all’Università di Bologna laureandomi in “Scienze infermieristiche e ostetricia” ed in “Scienze biologiche”. Svolgo attività lavorativa nella sanità pubblica.
Nel tempo libero amo dedicarmi alla scrittura di poesie e racconti, alla pittura, alla scultura e alla fotografia.
Numerosi sono i concorsi letterari a cui ho partecipato, ottenendo premi, riconoscimenti e apprezzamenti dalla critica. Ho al mio attivo numerose pubblicazioni. La mia poetica trae ispirazione sia dalla letteratura Europea (Rimbaud, Baudelaire, H. Hesse, F. Pessoa, G. D’Annunzio, E. Montale, G. Gozzano, P. Salinas …) sia da quella dei poeti americani e latino-americani (Edgar Lee, Walt Whitman, Rubèn Darìo, Julio Cortàzar, Alejandra Pizarnik …)

Sito web di Yuleisy

Gruppo di studi “PROGETTO 10 RIGHE”. APS Associazione di promozione sociale. - Sede legale Via Borgo di Colle Ameno n. 32 - e-mail: info@10righe.org 40037 Sasso Marconi (Bo) - sito web: www.10righe.org - P.IVA 02210491201.
© Copyright 2019 - Gruppo Studi Progetto 10 Righe