fbpx

faceb   icona Youtube

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

“Per amore … solo per amore”

di Adriana Pallotti

Discusso invocato, tradito, desiderato... L’AMORE, si sa, non ha mai conosciuto confini. Malizioso e innocente, appassionato o proibito; ha ispirato nei secoli poeti e pittori e con uguale intensità ha saputo inebriare o deludere. Pentagrammi di note, fiumi di parole, notti insonni, lacrime ed euforie... per Amore, sì, solo per Amore!

E così, tanto per arrivare ai giorni nostri, vorrei lanciarvi una piccola sfida: “Sono sicura che ognuno di voi, in un angolo più o meno nascosto del cuore, custodisce teneramente il ricordo del Primo Amore. Tenero o capriccioso, sepolto dagli anni, non importa, ma è lì, pronto ad emergere senza imbarazzo, disponibile a farci sorridere”.

Il mio ricordo, per esempio, si colloca nei primi anni sessanta, quando dai nostri paesi lungo la Porrettana, per lavorare o anche solo per studiare, “as viazèva in trêno” ancora nelle scomodissime carrozze di legno di terza classe! E questo mio ricordo, naturalmente, ve lo confiderò in dialetto bolognese.

PRIMO AMORE”

Avéva i cavî nîgher, caschetto alla “Lolita”

e j ûc’ scarabucé, d’arpiât, con la matita

Par mett’r in mòstra al gamb? Dû gîr a la stanèla!

E una “Kent” fra-mez al dîda, cardand d’éser piò bèla.

Aveva quéng’-sagg’ ân e la vojja ed scapèr vî

incont’r a un Univérs d’insónni e fantasî.

Aveva vojja ed crasser e po’ farmèr al tàimp

par vadder, dlà dal nóvvel, dóvv am purtéss al vàint.

Mo al tàimp l’andéva adèsi, sàimper la stassa gnôla

só e za par chi binèri, in trêno, vérs la scôla.

Zàint franc in t’al “Juke Box” par dau-trài canzunàtt

e tanti gl’illusian asrè in t’al mî casàtt.

E chi s’la pôl scurdèr cla premavàira strèna

ch’l’as purté vî al mî côr, busèdra e acsé rufièna!

In t’l’aura dal mèz-dé un “toast” e una gazausa...

e pôc dapp ló l’arivéva, con cl’aria misteriausa.

Né “spider” né lambretta, mo coj “jeans” e una majatta

ló l’apugéva al mûr na’ vècia biziclatta.

Che sguèrd! Fât ed silàinzi, sàinz’ambra d’nà parôla.

L’éra un’intaisa mótta, con al savaur d’nà fôla.

Un brévvid par la schénna e la vojja d’nà carazza

d’asrèr in mèz ai liber, par zûg, par tenerazza...

Mo vérs al dîs ed zóggn a j fó la fén dla scôla

e l’armagné a mèz-aria l’insónni dla mî fôla.

E la fó prôpri dura cla sîra, invatta al trêno,

suplîr la mî tristazza zarcand ed méttri un frêno!

E po’ la vérs mezanôt, in tla mî stanzia, al bûr,

con al cuscén fr’al brâza e la tèsta apugè al mûr

a m’acurzé, ad un tràt, che un quèl l’um turmintéva:

Da n’avair mai savò, purtrôp, cómm al s’ciaméva!”

Quanti amori si sono consumati attorno a noi, fra speranze e sospiri. Tanti sogni coronati ed altrettanti dissolti in una bolla di sapone. Ironizzare sulla fine di un rapporto amoroso non è facile, spesso le ferite o semplicemente l’orgoglio ce lo impediscono, ma chissà perché, attraverso il linguaggio del Dialetto Bolognese tutto sembra assumere un tono meno drammatico. E così io ho voluto provarci raccontandovi la storia di una cena un po’ particolare:

L’ÛLTMA ZÀNNA”

A lómm ed candaila, a znénn, l’ûltma sîra

con cla mûsica intauren, maliziausa ed alzîra.

Un tavlén in penambra, là, in fand a la sèla...

l’um paréva, a t’al zûr, una zànna spezièla.

Par l’ucasian t’er in giâca e cravâta,

me, at guardéva d’arpiât, innamuré mâta!

Pôchi al parôl, comm s’la fóss un’intaisa

con cla daulza euforî, lé, in tl’aria, suspaisa.

A lómm ed candaila, in cal sît elegant,

coi bichîr ed cristâl e al furzénn in arzant...

E chi dû camarîr? I parev’n in scapén...

e fôra l’anvéva, l’anvéva pianén.

Una scéna acsé bèla, mé, an l’aveva mai vésta,

al paréva un ritrât, al ritrât d’un Artésta.

L’emozion la s’pirdéva in t’nà nóvvla ed suspîr

e cla chèlda atmosféra l’um tuléva al respîr.

Ma la zànna ed cla sîra, cla sîra d’invéren

am la scurdarò mai, campéss in etéren!

Acsé, a l’impruvîs, et smurzéss tótt l’incant

la tô vaus l’éra bâsa dnanz al mî turbamant.

Sàinza gnanch al curâg’ ed truvèr una scusa

t’um piantéss prôpri in âs, surpraisa e confusa.

Al gamb al tarmévan, l’um bruséva la fâza,

al tvajôl spigazé a strichéva fr’al brâza.

Che umiliazian par cl’amèra scunfétta!

An gn’éra piò sît, par mé, in t’la tô vétta.

Ed fèr l’ûltum brindisi, t’avéss la pretaisa

e t’um dgéss: “Vólta pagina, dai, anfèr brîsa l’ûfaisa!”

Al fó brósch, al fó un vlàn, clultum bichîr ed vén,

... e fôra l’anvéva, l’anvéva pianén ...

DIDASCALIA

Fig.1 – Seduzione (cartolina proprietà di FOTOVICTOR – Marzabotto)