faceb   icona Youtube

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Le origini montane della famiglia Marconi

Gli atti del processo per “brigantaggio” al nonno di Guglielmo Marconi in alcuni documenti inediti

a cura di Giancarlo Dalle Donne e Barbara Valotti

La presenza della famiglia Marconi è documentata a Capugnano nella seconda metà del ‘700: in particolare negli estimi del 1766 e nel catasto Boncompagni (a partire dal 1782).

Domenico (padre di Giuseppe e nonno di Guglielmo) era uno dei tre figli di Antonio Marconi e di Orsola Zanardi. Nato nel 1787, finora le notizie sulla sua vita e attività erano scarse e frammentarie. Secondo Guidotti, Domenico era “un montanaro che fece fortuna col carbone” (1), mentre secondo Giacomelli-Bertocchi, “doveva essere anche un lavorante canapino a domicilio o un vetturino e questa fu sicuramente l’origine delle sue fortune” (2).

Nessuna documentazione era però presentata a sostegno di queste affermazioni. Ora invece un importante documento permette di avere notizie precise e dettagliate. Si tratta dei verbali di un “processo per brigantaggio” che vide protagonista lo stesso Domenico Marconi nel 1811: “Causa di brigandaggio armato a pregiudizio de’ fratelli Palmieri di Poretta contro Domenico Marconi, arrestato”. E’ conservato presso l’Archivio di Stato di Bologna, nel fondo “Corte Speciale pe’ delitti di Stato” (3).

Domenico Marconi era accusato di “essersi immischiato” fra i briganti che invasero il comune di Porretta nel luglio del 1809, ma alla fine del processo gli fu concessa la libertà provvisoria. Nel corso dell’interrogatorio dello stesso Domenico e al racconto dei testimoni emergono interessanti notizie sull’attività da lui svolta (4).

Questi documenti sono emersi durante lo svolgimento di una più ampia ricerca d’archivio sulla famiglia Marconi, tuttora in corso.

NOTE:.

GUIDOTTI, Il patriziato cittadino e la borghesia montanara, in Il Reno italiano, Bologna, 1989, p. 92.

  1. A.GIACOMELLI-G.BERTOCCHI, Guglielmo Marconi: come nasce un genio. Le origini montane e l’ascesa della famiglia, in “Nuèter”, n. 39, giugno 1994, p. 171.

  2. La collocazione esatta è: “Busta XVIII, 24”. Cfr. L.VALENTE, La Corte Speciale per i Delitti di Stato del Dipartimento del Reno (1809-1811). Inventario analitico, Tesi di laurea, Università di Bologna, 1979-1980.

  3. Sulle “insorgenze” del 1809 a Porretta cfr. [A.BACCHETTI], Relazione dei fatti accaduti alla Poretta ed altre Comuni limitrofe nel giorno 9 e successivi del mese di luglio 1809, Bologna, s.d. [ma 1809]; sul mercato delle tele a Porretta cfr. B.ROVEDA, Il mercato delle tele a Porretta fra cinque e settecento. Documenti per una storia, in “Di baratti, di vendite e d’altri spacci”. Merci, mercati, mercanti sulle vie dell’Appennino, a cura di P.Foschi e R.Zagnoni, Porretta, 2002.

Leggi
 Transatlantico alla deriva (Ciao Radio)
 intervista
Registrazione della puntata radio di Sasso Si Connette all’interno della trasmissione Transatlantico alla deriva (Ciao Radio)  in cui ho avuto il piacere di avere ospite la vostra presidente Marilena Fabbri per presentare la rivista n. 42 di al sas.

Intervista

 Transatlantico alla deriva (Ciao Radio)
 intervista
Registrazione della puntata radio di Sasso Si Connette all’interno della trasmissione Transatlantico alla deriva (Ciao Radio)  in cui ho avuto il piacere di avere ospite la vostra presidente Marilena Fabbri per presentare la rivista n. 42 di al sas.

Offerta

offerta r


Leggi

....40 cop

Rivista n. 40

....40 cop


R20

-notitle- R20 alsas 10righe.org

R20