faceb   icona Youtube

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Presentazione “Appunti di storia di Sasso Marconi”

Di Francesco Berti Arnoaldi Veli

Con questo numero, ha inizio la pubblicazione di una serie di articoli e studi sulla “storia di Sasso Marconi”. Non c’è, nelle biblioteche, una storia propriamente detta, con apparati critici, bibliografia e malleverie accademiche, della comunità di Sasso Marconi; e la via per arrivarci è lunga. Ci sono tuttavia, delle storie e “cronache” – per riprendere il termine usato da Renato Giorgi – che di Praduro e Sasso, e poi di Sasso Marconi raccolgono materiali preziosi per gli storici: i fatti, gli accadimenti, soprattutto gli uomini e le donne, le loro vite in una comunità dall’identità ben riconoscibile.

Già nella presentazione del gran libro di Renato Giorgi, “Sasso Marconi, cronache di allora e di dopo”, si osservava che il solo racconto di accadimenti e vite non è un mero “fare cronaca”, ma si converte in “fare storia”, quando chi scrive sa dipanare e penetrare il “senso” di ciò che è accaduto e che viene narrato; quando in altri termini il “cronista” è consapevole che ogni racconto storico è sempre, e inseparabilmente, strumento per affrontare il problema del senso ultimo, del significato degli eventi che modulano la vita di una comunità. Non vi è storia (che è giudizio) senza conoscenza dei fatti.

Il libro di Renato Giorgi, che si può a buon titolo assumere come pietra miliare di un percorso di ricerca storica, è di ventisei anni fa, quasi il tempo di una generazione. Non è casuale che la serie di “cronache storiche” che oggi prende avvio sulla nostra rivista si debba all’opera ed alla penna di un autore che, come Renato Giorgi, è stato sindaco di Sasso Marconi, e testimone, a distanza anche anagrafica di una generazione, della persistenza forte proprio di un filo di significato attinto alla tensione di valori civili alti: quelli ai quali Sasso Marconi deve i momenti più gloriosi della sua storia, nelle lotte e nelle sconfitte del primo dopoguerra, nella resistenza al tempo della seconda guerra, nell’impegno di ricostruzione e nello slancio verso un’evoluzione che di una modesta comunità agricola ha fatto un centro produttivo ormai di taglia metropolitana (vedremo Sasso Marconi arricchire, in un prossimo futuro, l’auspicabile sorgere di una “grande Bologna”?). Gianni Pellegrini ha tutti i titoli per guidare i lettori nell’itinerario che prende le mosse là dove Renato Giorgi si era arrestato, in un’ideale continuità fatta per suscitare pensieri, riflessioni, consapevolezze nella comunità di Sasso Marconi e non solo.

Crediamo di esser pari, con questo, al compito che ci siamo assunti, e che è la vera funzione culturale dei centri di studi locali: cercare di capire, e insieme di far capire, che la vita storica di una comunità si misura soprattutto sul metro della fedeltà a valori civili cui non ci si può sottrarre, e che chiamano a scelte intellettuali meditate, responsabili, feconde. Cercheremo di essere pari a questo impegno.

Offerta

offerta r


Leggi

....40 cop

Rivista n. 40

....40 cop


R20

-notitle- R20 alsas 10righe.org

R20