faceb   icona Youtube

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

IN ODE AL RUGLETTO DEI BELVEDERIANI

Domenica 15 ottobre, ospitato dagli amici del Rugletto dei Belvederiani creatori della Mùsola, si è svolto a Lizzano in Belvedere l’annuale convegno delle associazioni e gruppi di ricerca storica avente per tema “il dialetto –

Come si scrive?

Come si coltiva?

Qual è la sua origine?”.

Ogni gruppo ha portato un proprio contributo alla discussione. Oltre a rilevare l’estrema complessità, ai fini della successiva lettura, della scrittura del nostro dialetto, tutti gli intervenuti hanno evidenziato il gran valore storico e culturale della nostra lingua, ma anche il suo grave stato di salute. A detta di tutti, il nostro dialetto è destinato, nel volgere di un periodo relativamente breve, a diventare un reperto archeologico cristallizzato su pagine di carta o malinconiche registrazioni su nastro.

Da segnalare tra gli interventi quello del nostro Marco Sammarchi che, parlando rigorosamente nella sua lingua, ha redarguito tutti gli intervenuti per non essersi espressi in dialetto, per poi concludere con una classica barzelletta in dialetto bolognese.

Gli amici del Trebbo hanno invece prodotto un pregevole e simpatico

documento”: la Gemma della Mascarella che ha raccontato ai presenti la storia della volpe e della gallinella, una delle tante storielle che si raccontavano durante le veglie.

Siamo giunti al capezzale del nostro dialetto? Forse, ma il nostro dialetto è una lingua viva e l’unica maniera di mantenerla tale è quella di parlarlo e farlo parlare. Fen ch’i è fiè , i è speranza.

Ma il tanto parlare faceva venire appetito e quindi la discussione è stata portata in un ameno locale di Monte Acuto dove il desinare ha stimolato il nostro prolifico Marco Sammarchi che ha dedicato una zìrudela ai padroni di casa:

Ringraziamento al “Massaro”

E mé, premma ch‘al veggna sira,

com ed solit a la mi manira

dop a sté gran bèl dsnèr,

a nom ed tott a voi ringrazièr

al sgner FILIPPI, GRAN MASSARO,

che al n‘é megga stè un’avaro

int al urdne'r totti al purtè

e se quast incu' l‘é capitè,

a voi preghèr San Franzasc

che al pènsir a gli veggna spass

e nuèter dal Gropp dal Sâs

sànza fèr un gran fracass,

a sperèn ed psèurov invidèr,

l'ann prossum, a un nôv dsnèr

Offerta

offerta r


Leggi

....40 cop

Rivista n. 40

....40 cop


R20

-notitle- R20 alsas 10righe.org

R20