fbpx

faceb   icona Youtube

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Ritorno

Consideraziòn ed vetta attuèl
3026 Sammarchi Marco dialetto

Consideraziòn ed vetta attuèl

di Marco Sammarchi

Quand ai’era zòuven, quanti côs a vleva fèr, come a pèns tant’etèr come mé; ma a chi tèmp, i mezz a disposiziòn i’erén qui chi’erén e tant progett ién avanzè dànter a qal vecc’casatt ed qual mobil ormai tott sbusanè dai tarù.

Incù, che al cundiziòn ed vetta agl’ién migliorè ed dimondi, am ziga al côr sentèr e vaddèr che tantessom ragazz i sprechén la sô zoventò, i la boccian vì adiritura e brisa sòul qualla: i cazén vì la vetta come gninta foss, solamént par di zugh stoppid!

Am pèr che i zuvén incù in seppén piò bon ed divartiress, parché con totti qal cumditè a sô disposiziòn, i veinén ciapè da la noiia e i strolghèn ed fèr al côs piò impensabil e madornèl: der fugh a di casunett dal rosch, taièr i cupartòn del machin in sosta, perpetrèr un furt o una rapèina, (da ragazz ed dagg’ o tragg’ann) violentèr una ragâza in branch come i lòuv affamè, drugheress par sentress di leòn, par fèr del guer urbèni e del scazzutè dànter e fôra dal stadio sànza incionna rasòn, organizzèr e partezipèr a del gâr in automobil, patintè ed frasch, con al relativ conseguènz, in quant incù al machin al van trôpp fôrt e la côsa piò bestièl ed totti, causèr la môrt par sé stess e par i su amigh spettatur che i stàn a guardèr ai lè dla strè; ma s’an si mett un freno, piàn piàn i zuvén i dventén una râza in vì d’estinziòn!

Sprechèr acsé la zoventò e la vetta, l’é ‘na côsa che am ratresta am demoralezza, in quant sti zuvén, dimondi probabilmènt, in san brisa che a sté mond, an’esèst una somma tant granda da psèir paghèr al piò bèl period dla vetta d’una persòuna.

La vetta l’è fâta acsé. Indrì an s’pôl brisa turnèr par cambièr tanti del côs fâti e quand ed spiegh ai ragazz muderén, con tant ragiunamènt, qualla ch’l’é la sô furtòuna, (qualla ed vivèr al sô piò bèl mumènt dla vetta) ban ch’la vâga ed ciap dal defizèint!

Alòura in sté mònd, in dov ogni dé bisaggna corrèr sàmper piò dlòngh par inseguir al benesèr e la ricazza, (o IL VIL DANARO, come al dseva òn) i cunselli d’un’anziàn in riescén brisa ad equipareress ai ragiunamènt d’un zòuvén. Acsé, pensand a tott quall ch’al suzed tott quant i dé, a mé zànt, “am ziga tant al côr!”

am ziga tant al côr!”

Zèrudela di pinsir,

qui d’incù e qui d’a ir.

Avànd passè i’ànta,

la strè pistè l’è tanta,

adesi o col fiè gross,

zarcànd d’evitèr al foss.

Anca mé, da ragazèl,

andeva “a vòul d’usèl”;

adess, a fagh manca strè

quand mell côs a vleva fèr.

Incù, am vén da pensèr

che tant zuvén, come mé,

i vlessén, tott quant i dé,

arvultèr al mònd intir;

ma zert, sòul con al pénsir!

Tott i dé in bulatta

e qal pôch dla pagatta

(fortunè chi l’aveva)

quesi mai l’an basteva

par chi puch divertimènt

ch’ai’era in chi mumènt.

Adess, l’é un’etèr quèl;

ban o mèl un ragazèl

l’ha a sô disposiziòn

da spandèr, un quelch miliòn

da investir in dòu rôd

oppur, int un’etèr môd.

Apanna ch’lé patintè,

una machineina usè

e po’ vì dlongh cm’è un razz

a sfidèr tott chi ragazz,

parchè la sô machinatta

la n’è brisa ‘na “caratta”

e la pôl venzèr ed sicur:

ma po’, BOM, contr’a un mur!

<PREMI STRAORDINERI !>

Un bèl bus al zimitèri

e acsé int un mumènt,

vent’ann cazé vì, al vènt!

Come tott i omén viv

a sén sté di impulsiv

ma incù, par la miseria,

la côsa l’as fà seria.

Ed sté pass la zoventò

in pôch tàmp l’an’esèst piò

e se ai tach a pensèr

al côr as mett a zighèr

e quand ai’ho l’uccasiòn,

brisa ed fèr un sermòn,

ma con suquanti parôl

spieghèr a un ragazôl

che vivèr l’é impurtant;

stèr in mezz a la zànt,

avèir d’i’amigh, l’ambròusa.

La vetta l’é preziòusa

e con puch sacrifezzi,

sànza fèr di stravezzi,

pr’al futur, int al sô dman

al prà dvintèr un’anzian.

Ma al zòuvén l’ha furia,

ai pram piò la lussuria;

lò al n’ha tàmp d’ascultèr

i cunsèi che t’ai vu dèr

e, zertamènt int un spell,

ed pu ciapèr dl’imbezell!

Zòuvén, ma t’an’é capé

ch’an’esèst universitè

ch’l’insaggna l’esperiènza,

che l’é la piò gran sciènza

che òn al possa imparèr?

Basta ch’al possa campèr,

che la vetta l’é tant bèla,

toc e dai, la zèrudela!