faceb   icona Youtube

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.

Ritorno

Quando la Madonna di San Luca venne a Battedizzo
026 Foresti Cavina Franca ricordi

QUANDO LA MADONNA DI S.LUCA VENNE A BATTEDIZZO

Nata in una famiglia bolognese da sempre, ne ho condiviso la devozione verso la Madonna di S. Luca, la Protettrice della città. Dai vecchi bolognesi è considerata come una persona che ogni anno scende dal suo colle e va a far loro visita. Dicono, infatti, “quando viene a Bologna la Madonna?”. Fra i bei ricordi della mia infanzia ci sono i giorni in cui con la nonna andavo ad incontrarla davanti alla chiesa delle Muratelle, o quando con tutta la mia famiglia andavo a Porta Saragozza, il giorno dell’Ascensione, per ricevere la benedizione della Madonna, prima che lasciasse la città. Di quei pomeriggi ho una viva memoria dell’incontro gioioso con i miei cari e dei palloncini colorati che salivano verso il cielo.

Quando, il terzo anno che abitavo a Battedizzo, seppi che la Madonna di S. Luca sarebbe venuta a visitare la Parrocchia di S. Martino di Battedizzo, ne fui meravigliata e felice. Era un avvenimento per il nostro piccolo gruppo di case. La chiesa, un vero gioiello poco conosciuto, fu ornata di fiori e davanti alla porta fu composta una emme con dei petali di rose. E cominciò l’attesa. La Madonna arrivò a pomeriggio avanzato, su un’auto con la parte posteriore in vetro. Gli uomini preposti al suo trasporto, con le tipiche vesti nere, la portarono in chiesa. In quanti eravamo? Dieci, dodici? forse quindici persone. Non c’era certo la folla di Bologna, la lunga processione, ma quelle poche persone vivevano una esperienza che sarebbe rimasta impressa nelle loro menti e nei loro cuori. La Madonna era lì, appena oltre la balaustra dell’altare maggiore. Si sarebbe potuto toccarla, e ci guardava con quella sua espressione severa che sempre mi ha intimidito. Il sacerdote che l’accompagnava ricordò di essere venuto a Battedizzo subito dopo la fine della guerra, che in questi luoghi aveva causato enormi distruzioni. Ora, disse, provava una profonda gioia nel rivedere gli stessi luoghi trasformati dalla pace e dal lavoro costante degli uomini. Le case ricostruite, i campi coltivati e i giardini ricchi di alberi e fiori. Dopo il Rosario e la benedizione la Madonna tornò a Sasso e noi rimanemmo per un po’ fermi sul piazzale, in silenzio, avvolti dalla luce dorata del tramonto. Avevamo vissuto un momento speciale. Era il 28 giugno 1995.

Franca Foresti

Offerta

offerta r


Leggi

....40 cop

Rivista n. 40

....40 cop


R19

-notitle- alsas n.19

R19


R20

-notitle- R20 alsas 10righe.org

R20


cop 35 36

-notitle- Rivista n. 35

cop 35 36


x1 1498cop web

-notitle- R 37

x1 1498cop web


-notitle- Archivio rivista

Archivio riviste

archivio


COP 38

-notitle- R 38

COP 38


Leggi

   cop 39 

AlSAS N.39  
   

Editoriale

Luigi Ropa Esposti

4

Succede a Sasso

a cura di Glauco Guidastri

 

6

La fabbrica di maioliche nel Settecento a Colle Ameno

Piero Paci

 

13

La leggenda di Cacao. La verità sulla presenza di un italiano collaborazionista delle SS durante la strage di Marzabotto

Stefano Muratori

 

37

Le sorprendenti bellezze dell'Alto Appennino bolognese: il Parco Regionale del Corno alle Scale

Paolo Michelini

 

81

Andar per campi passatempo salutare. Come riconoscere e cucinare alcune piante spontanee delle nostre zone

Laura Gelli

 

100

L'ACQUA MARCELLA Dalla villa del Bazzano alla sorgente de''Acqua Marcella

Manuela Righi

 

110

Radioattività dell'acqua.  Le acque della sorgente dell'Acqua Marcella venivano pubblicizzate per le loro qualità radioattive. Ma erano veramente radioattive?

Mauro Filippini

 

130

La Casa del Soldato di Praduro e Sasso. Uno dei centri di assistenza, accoglienza e supporto a favore dei militari durante la Prima Guerra Mondiale

Carmen Santi

 

139

E venne la notte Nina e il crollo della Rupe del Sasso

Alessandra Pozzi

 

146

A la fèn dl'ovra (alla fine dell'opera)

a cura di Luigi Ropa Esposti

157
   

 

Rivista n. 39

   cop 39 

AlSAS N.39  
   

Editoriale

Luigi Ropa Esposti

4

Succede a Sasso

a cura di Glauco Guidastri

 

6

La fabbrica di maioliche nel Settecento a Colle Ameno

Piero Paci

 

13

La leggenda di Cacao. La verità sulla presenza di un italiano collaborazionista delle SS durante la strage di Marzabotto

Stefano Muratori

 

37

Le sorprendenti bellezze dell'Alto Appennino bolognese: il Parco Regionale del Corno alle Scale

Paolo Michelini

 

81

Andar per campi passatempo salutare. Come riconoscere e cucinare alcune piante spontanee delle nostre zone

Laura Gelli

 

100

L'ACQUA MARCELLA Dalla villa del Bazzano alla sorgente de''Acqua Marcella

Manuela Righi

 

110

Radioattività dell'acqua.  Le acque della sorgente dell'Acqua Marcella venivano pubblicizzate per le loro qualità radioattive. Ma erano veramente radioattive?

Mauro Filippini

 

130

La Casa del Soldato di Praduro e Sasso. Uno dei centri di assistenza, accoglienza e supporto a favore dei militari durante la Prima Guerra Mondiale

Carmen Santi

 

139

E venne la notte Nina e il crollo della Rupe del Sasso

Alessandra Pozzi

 

146

A la fèn dl'ovra (alla fine dell'opera)

a cura di Luigi Ropa Esposti

157